Lume Filmes & Cortosplash

angustia.jpg

Dopo l’assegnazione del premio dello staff di Cortosplash al bellissimo film “Angustia” nella scorsa edizione, siamo felici di annunciare il gemellaggio con il festival LIFF – Lume International Film Festival di Saõ Luis in Brasile diretto da Frederico Machado regista di “Angustia”. A presto per maggiori dettagli. intanto alcune brevi informazioni sulla Lume Filmes.

After the award of the Cortosplash Staff to the beautiful film “Angustia” in the last edition, we are happy to announce the twinning with the LIFF – Lume International Film Festival in Saõ Luis, Brazil, directed by Frederico Da Cruz Machado, also director of “Angustia “. Soon more details. Meanwhile some brief informations about Lume Filmes.

LUME FILMES
La Lume Filmes nasce nel 2000 nella città di São Luís, Brasile, come casa di produzione cinematografica che crede nelle potenzialità dell’arte come rivelazione delle aspirazioni e dei desideri dell’artista nel mondo contemporaneo.
Come produttore nei quasi venti anni di esistenza ha realizzato più di trenta progetti in linea con la sua filosofia: fare film indipendenti, audaci e rischiosi. Tra questi ci sono lungometraggi, cortometraggi, serie e film per la TV. Le sue produzioni hanno partecipato a festival, spettacoli, circuiti espositivi commerciali del cinema e programmi televisivi.
Nel 2006, Lume Filmes è diventato anche un distributore, lanciando sul mercato brasiliano film potenti, che esprimono un cinema estremamente forte, con opere spesso dimenticate ed emarginate, che grazie e a questa distribuzione sono diventate punti di riferimento del cinema d’autore in Brasile.
Oltre alle società di produzione e distribuzione, Lume Filmes può contare su una sala cinematografica a St. Louis, la Cine Lume, che organizza un festival cinematografico, il LIFF – Lume International Film Festival, è un partner di Indie Cine con il canale Lume Channel e mantiene la Scuola di Cinema Lume a São Luís.
La Lume Filmes si propone di dare visibilità e accessibilità alle più disparate culture cinematografiche, provenienti da diversi paesi, con un focus sul cinema d’autore e indipendente.

lume_logo_2011.jpg

Lume Filmes was born in 2000 in the city of São Luís, Brazil, as a cinema production house that believes in the potential of art as a revelation of the aspirations and desires of the artist in the contemporary world.
As a producer in nearly twenty years of existence, he has produced more than thirty projects in line with his philosophy: making independent, bold and risky films. Among these are feature films, short films, series and movies for the TV. His productions have participated in festivals, shows, commercial showcases of cinema and television programs.
In 2006, Lume Filmes also became a distributor, launching powerful films on the Brazilian market, expressing extremely strong cinema with often forgotten and marginalized works that, thanks to this distribution, have become the reference point of Brazilian filmmaking.
In addition to production and distribution companies, Lume Filmes can count on a movie theater in St. Louis, Cine Lume, which organizes a film festival, LIFF – Lume International Film Festival, is a partner of Indie Cine with the Lume Channel and maintains the Lume Cinema School in São Luís.
Lume Filmes aims to give visibility and accessibility to the most different cinematographic cultures from different countries with a focus on author and independent cinema.

avviso ai naviganti: avvistati i semifinalisti!

Finalmente, dopo un attento ed estenuante lavoro di selezione, siamo in grado di annunciare i corti che sono arrivati in semifinale. Quest’anno siamo stati invasi da quasi 1700 corti e abbiamo voluto dare merito a tanti lavori che troviamo interessanti. Purtroppo solo una parte di questi potrà essere selezionata per la fase finale e proiettata durante le 3 serate del festival.

Congratulazioni a tutti e a presto per nuovi importanti avvisi ai naviganti.

Notice to sailors: sighted semifinalists!

Finally, after a careful and wearing selection process, we are able to announce the shorts that arrived in the semifinals. This year we have been invaded by almost 1,700 shorts and we wanted to give credit to many works that we find interesting. Unfortunately, only part of them will be selected for the final stage and screened during the three evenings of the festival.

Congratulations to all and see you soon for new important notices to mariners.

FICTION/DOC

#Selfie di David M. Lorenz (Germania)

17 años juntos di Javier Fesser (Spagna)

A new home di Žiga Virc (Slovenia)

À Propos d’Émilie di Valentina Casadei (Italia)

Acogida di Gaizka Urresti (Spagna)

Adivina di Gonzaga Manso (Spagna)

An american short story di Antony Renault (USA/Francia)

Angel caìdo di Fran Parra (Spagna)

Anhela di Diego Rufo (Spagna)

Be di Roberto Cano (Spagna)

Behind di Ángel Gómez Hernández (Spagna)

Betty di Julien Lessi (Francia)

By my side di Zanyar Muhammadineko (Iran)

Byroad di Mehdi Zarei (Iran)

Calais: On the Road to Relief di Jake Martin Graves (Francia)

Cartas boca abajo di Mateo Nicolau de las Moras (Spagna)

CDF di Jan Eilhardt (Germania)

Champion di Måns Berthas (Svezia)

Che altri occhi ti guardino di Fabio Leone (Italia)

Cirilo di Ruben Sainz (Spagna)

Coastline di Zoé Rossion (Svizzera)

Dam to dam di Elena Sáenz (Spagna)

Danse, poussin di Clémence Dirmeikis (Francia)

De dentro para fora di Manuela Farias (Brasile)

Deda di Rati Tsiteladze (Georgia)

Desde Palma, a la vista del tiempo di Octavio Daniel Rodríguez Juárez (Messico)

Doméstica di Penélope Fortunatti (Cile)

Eccomi di Sergio Falchi (Italia)

El monopolio de la estupidez di Hernán Velit (Perù)

El vestido di Javier Marco (Spagna)

Elegía di Alba Tejero (Spagna)

Elemental di Alejandro Rocchi-Marco Bentancor (Uruguay)

Es vital di Tania Sieira Fernandez (Spagna)

Excusados di Jose Maldonado Ayuso (Spagna)

Fish di Saman Hosseinpuor (Iran)

Gente di mare di Ben Sorscher (USA)

Georgia & the time machine di Daniel Utrilla Cerezo (Spagna)

Gure hormek di Maria Elorza-Maider Fernandez (Spagna)

Hileta di Kepa Sojo (Spagna)

Icaro di Fabrizio Buompastore (Italia)

Ieri e domani di Lorenzo Sepalone (Italia)

Il sogno del vecchio di Antonio La Camera (Italia)

In the Shadow of the Mountain di Neith Sentis (UK/Spagna)

Italian miracle di Francesco Gabriele (UK)

Kikelet di Máté Konkol (Ungheria)

Kleinheim di Michael Ciesielski (Germania)

La caja de tu vida di David F. Vega (Spagna)

La fuitina di Andrea Simonetti (Italia)

La invitación di Susana Casares (Spagna)

La morte del sarago di Alessandro Zizzo (Italia)

La oscura aventura de Baldomero Balbìn Jofre di Blesa-Xavier Pijuan Sala (Spagna)

La rodada del Patachìn di David Ferreira (Messico)

Le altre partenze di Claude Saussereau (Francia)

Le Barde di Louison Mellec (Francia)

Le diable es dans les détails di Fabien Gorgeart (Francia)

Lituania di Iker Arce Aretxabala (Spagna)

Lurna di Nani Matos (Spagna)

Mai di Marta Gonzales (Spagna)

MareNostrum di Maryam Rahimi (Italia)

Maria di Francesco Afro de Falco (Italia)

Masciarae di Domenico de Ceglia-Serena Porta (Italia)

MeatBALLS di Maria Avramova (Svezia)

More than two days di Ahmed Abdelnaser (Egitto/Qatar)

Nada que ver di Manuel Manrique (Spagna)

Náufragos di Iván López (Spagna)

Neròn di Rubin Stein (Spagna)

Nini di David Moreno (Spagna)

Obrigados di Henrique Grise (Brasile)

Përjetësisht fëmijë di Lorena Sopi (Albania/Kosovo)

Po Covika di Kristina Kumrić (Croazia)

Poesía en ruinas di Joshué Guerrero (Spagna)

Popoff di Domingo de Luis (Spagna)

Primeiro ensaio di Daniel Couto (Brasile)

Renovable di Jon Garaño-Jose Mari Goenaga (Spagna)

Ride MT-274 di Daniel Cano (Messico)

Rincoman di Marco Di Gerlando (Italia)

RINGO ROCKET STAR and his song for Yuri Gagarin di Rene Nuijens (Olanda)

Salifornia di Andrea Beluto (Italia)

Salmo 31 di Enzo Musmanno (Italia)

Santa di Ismael Olivares (Spagna)

Save di Iván Sáinz-Pardo (Spagna)

Soundscapes di Omar Bovenzi (Italia)

Spiderboy di Linda Fratini (Italia)

Swimming in the desert di Alvaro Ron (USA)

Talaatay Nder di Chantal Durpoix (Senegal)

Tarde de pesca di Hugo de la Riva (Spagna)

Te quiero, papà di Gabriel Lúgigo (Spagna)

Tetris di Enrico Iannaccone (Italia)

The ancient Child di Fabrizio Polpettini (Italia)

The child di Diego Botta (Italia)

The chop di Lewis Rose (UK)

The distant sea di Nic Wassell (UK)

The last mission di Chaweng Chaiyawan (Tailandia)

The salt man di Seyed Sajad Moosavi (USA)

Últimos días di Arturo León Llerena (Spagna)

Un domingo qualquiera di Sergi Miralles (Spagna)

Vida en Marte di Jose Manuel Carrasco (Spagna)

Where mean, old bastards go to die di Bergþóra Holton-Nina Petersen (Islanda)

Ya viene Santa Claus di Josepmaria Anglès (Spagna)

Yo amo, tú amas, él ama, nosotros no sabemos di Zésar Martínez Mato-Terenci Corominas (Spagna)

 

ANIMAZIONE

(Otto) di Job, Joris & Marieke (Olanda)

And the moon stands still di Yulia Ruditskaya (Bielorussia)

Beti bezperako koplak Eve di Ageda Kopla Taldea (Spagna)

Darrel di Marc Briones Piulachs-Alan Carabantes Person (Spagna)

Fim de linha di Paulo d´Alva-Antonio Pinto (Portogallo)

Good die my friend di Laura Klinke (Germania)

Lakrua di Yelitö Yelitö-Javier Quevedo (Spagna)

Listen to the Quiet di Nick Gillin (USA)

Lutra di Davide Merello (Italia)

Retweet di Cristina Vilches Estella (Spagna)

Rumbo di Augusto Goicoechea (Uruguay)

Shame di Alberto Rey Garcìa (Spagna)

Shirkoa di Ishan Shukla (India)

Solito di Eduardo Reis (Brasile)

Sottovoce di Andrea Bonetti (Italia)

Teddy Bear di Hermes Mangialardo (Italia)

Wilfried & Maria di Sofie De Cleene (Belgio)

 

SPERIMENTALE

19th May 2012, Mirandola (MO). Last Screening Before the Earthquake di Fabrizio Cavallaro (Italia)

Alla salute! di Davies Zambotti (Italia)

Blue movement di Haruka Mitani-Michael Lyons (Giappone)

Deep di Marta Lafuente (Spagna)

Dizzymess di Vivian Ostrovsky (USA)

Eternal movement di Anna Fokina (Uzbekistan)

Everything Inside Is Made of Wind di Dellani Lima (Brasile)

Fotogrammi di Danilo Amione (Italia)

Life in patterns di Vojtěch Domlátil (Repubblica Ceca)

Long yearning di Elliot Spencer (Australia)

Pianissimo di Mattia Biondi (Italia)

Playa di El Zoid (Italia)

Ring di Ksenia Chimali Voronchikhina (Estonia)

Santa Teresa di Emanuele Dainotti -Alessandro G. Capuzzi (Italia)

Soy vida di Jose Alirio Rojas (Venezuela)

Sullivan Street di Emma Jackson (UK)

Zen di Yida Wong (Cina)

Zirkulationskosten di Melisa Aller (Argentina)

 

VIDEOCLIP

Epok-Ignatus di Delphine Burrus (Francia)

Great Headless Blank-Makeunder di Carine Khalife (Canada)

Happy-Mark Lotterman di Alice Saey (Francia)

Hello, Lakisha -Kilokish di Kim Yongoh (Corea del Sud)

Land without Evil-Tonolec di Katalin Egely (Argentina/Ungheria)

O mal-Juliana Cortes di Carlon Hardt (Brasile)

Partenze-Massimo Donno di Fabrizio Lecce (Italia)

Poems from the planet- K.E.R.O.S.E.N.E di Jukka-Pekka Jalovaara (Finlandia)

Ponura Tresura -Makabreski di Ala Nunu Leszynska (Polonia)

Reanimation –Dürerstuben di Marcus Hanisch (Germania)

Shenidom bahmeni-Hamnava Ensemble di Ali Nikfar (Iran)

Sorrow into stone-Sara Lov di Le Marchand Solenn (Italia)

Tempo fantasma-Cosimo Insalata, Filippo Paloscia di Giovanni Carbonara (Italia)

The dance of the living stones-Mashrooms di Angelo De Grande (Italia)

Troubled Times-Green Day di Manuel Viqueira Carballal (USA)

V Ep I Nostal61a-61 Garage di Vincent Gondo, Abel Grape, Miguel Angel D Vas, Hoodlover Cuevas, Fran Shad Barajas (Spagna)

sciabica x copia 2.jpg

Cortosplash: la IV edizione si terrà dal 4 al 6 agosto all’ Aquarius di Policoro

COMUNICATO STAMPA

Cortosplash, il primo festival internazionale di cortometraggi spiaggiati, ritorna quest’anno con due importanti novità che riguardano la location e le date. Giunto alla sua IV edizione, il festival diretto dal regista Giuseppe Tumino si terrà dal 04 al 06 agosto 2017 al Villaggio Aquarius Circolo Nautico di Policoro. A causa dell’elevato numero di cortometraggi pervenuti, infatti, l’organizzazione ha deciso di posticipare le date del festival e per problemi logistici (pur confermando la partnership con gli amici della coop Onda Libera che hanno accolto l’edizione dello scorso anno a Scanzano Jonico) l’evento si trasferisce a Policoro, in località Torre Mozza.

L’ Aquarius è un villaggio naturalistico nuovo, dove è stato fatto uno straordinario intervento di restyling dell’intera struttura, completamente in legno, che si trova a 50 metri dal mare, immerso nel verde della Macchia Mediterranea.

Arrivati dai 5 continenti e da oltre 70 nazioni, sono quasi 1700 i cortometraggi iscritti a questa edizione del festival che la commissione esaminatrice di Cortosplash, in questi giorni, sta valutando. Solo tra qualche settimana saranno resi noti i nomi dei componenti della giuria, il programma completo dell’edizione 2017 e i titoli dei cortometraggi semifinalisti dai quali saranno poi selezionati i finalisti da proiettare durante le serate del festival.

All’Aquarius, dunque, un festival da non perdere per tutti gli amanti del cinema della costa jonica lucana che, sulla spiaggia, a due passi dal mare, vorranno immergersi nelle affascinanti emozioni che solo il cinema sotto le stelle può regalare.

Per informazioni:

spiaggiati di tutto il mondo

il bando si è chiuso il 3 giugno! Siamo stati sepolti da nuove produzioni giunte sui nostri lidi da ogni angolo remoto del pianeta. Presto vi daremo i numeri esatti di questa pacifica invasione e la loro provenienza. A breve importanti novità! Intanto ecco una foto dello staff di Cortosplash intento a caricare i corti arrivati per questa IV edizione.

Worldwide beached people, the call closed on June 3rd! We were buried by new productions that came on our shores from every remote corner of the planet. In short time we will give you the exact numbers of this peaceful invasion and their origin. Soon important news! Meanwhile, here’s a photo of Cortosplash’s staff loading the short films arrived for this fourth edition.

spegnete la luce, torna cortosplash!

splash1

(aggiornamento del 19 giugno 2017- il festival ha cambiato date e location. Le nuove date sono dal 4 al 6 agosto all’Aquarius di Policoro)

Da oggi sono aperte le iscrizioni alla IV edizione di Cortosplash, “un corto per l’estate”, il primo festival internazionale di corti spiaggiati, unico nel panorama nazionale. Il festival si svolgerà dal 20 al 22 luglio nella splendida cornice della costa Jonica Lucana a Lido Onda Libera di Scanzano Jonico (Mt), un lido confiscato alla criminalità organizzata, affidato a Libera e gestito dalla “Società Cooperativa Sociale Onda Libera”. Un evento da non perdere, reso ancora più  suggestivo dal fascino che solo il cinema sotto le stelle può regalare. Il festival infatti come ogni anno si svolgerà in spiaggia, a due passi dal mare che farà da sfondo alle proiezioni.  Per l’iscrizione e la presentazione dei lavori c’è tempo fino al 3 giugno, regolamento e scheda d’iscrizione sono scaricabili dal sito internet del festival nelle sezione  entry form:

 https://cortosplash.com/bando-scheda-e-liberatoria/

Con il bando di Cortosplash non può mancare la nuova illustrazione del nostro infaticabile eroe Guglielmo Manenti.

From today are open the registrations to the IV edition of Cortosplash, “a short film for the summer”, the first international festival of beached short films. The festival will take place on July from 20 to 22 in the beautiful jonian coast of Lucania at Lido Onda Libera- Scanzano Jonico (Mt), a bathhouse confiscated to the organized crime, assigned to Libera and managed by the “Società Cooperativa Sociale Onda Libera”. Don’t miss this show, made even more impressive by the charm that only the cinema under the stars can offer. The festival in fact, like every year, will take place on the beach, just steps from the sea which will be the background to the screenings. The deadline for registration and submission of works is June 3, regulation and registration form can be downloaded from the festival website in the section “entry form”:

https://cortosplash.com/bando-scheda-e-liberatoria/

With the call of Cortosplash, cannot fail the new illustration of our tireless hero Guglielmo Manenti.

Du bi du du bi du bi

du bi du bi du

du bi du bi

du bi du

Spegnete quella luce
di fuori c’è la luna
Ci sono mille stelle
che sembrano candele

splash press, photos and interviews 2016

giuria-e-vincitori-2

La giuria presieduta da Jon Jost ha premiato il film dei francesi Méryl Fortunat-Rossi e Xavier Seron. Premio del pubblico a  “My grandfather was a cherry tree” di Olga e Tatiana Poliektova (Russia).

“Le plombier” di Méryl Fortunat-Rossi e Xavier Seron (Francia) ha vinto la terza edizione di Cortosplash: il festival internazionale di cortometraggi che si è tenuto dal 22 al 24 luglio al Lido Onda Libera di Scanzano Jonico. “E’ un film divertente, con i personaggi ben caratterizzati e girato in maniera impeccabile. Affronta il tema della pornografia con grande senso dell’umorismo, senza scadere nella volgarità. Far ridere in maniera intelligente e non è cosa facile”, è questa la motivazione della giuria presieduta quest’anno dal regista statunitense Jon Jost, veterano del cinema indipendente. Marcella di Palo, regista, Andrea Recussi, direttore Cort0globo film festival, e Leandro Domenico Verde, giornalista, completano la giuria che ha assegnato anche le menzioni speciali delle quattro sezioni che sono andate a: “A prueba” di Pablo L. de Aramburu (Spagna), Fiction-Doc, “Kukuschka” di Dina Velikovskaya (Russia), Animazione, “Can you decide” di Lu Pulici (Italia), Videoclip, e “Dissonance” di Salym Fayad (Colombia), Sperimentale. Il premio del pubblico (audience award) invece è andato a “My grandfather was a cherry tree” di Olga e Tatiana Poliektova (Russia).

Inoltre c’è stato anche il premio Onda Libera (attribuito dallo staff del lido che ha ospitato l’evento e dagli organizzatori di Cortosplash) che è andato ad “Angustia” di Frederico Machado (Brasile) e il premio “mare che divide, mare che unisce” assegnato ad “Argento” di Nicola Pertino (Italia).

Cortosplash è l’unico festival in Italia che si svolge interamente in spiaggia, e quest’anno è stato ospitato dal Lido Onda Libera di Scanzano Jonico, nato da bene confiscato alla criminalità organizzata nel 2012 e affidato a LIBERA – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie – per destinarlo ad uso sociale.

E’ stata un’edizione che ha visto la partecipazione di ospiti come i registi lucani Gianni Saponara, autore di “Cenere”, e Aurelia Tamburrino, in concorso con “Fragilimenti”, e  dei vincitori di alcuni premi, come la brasiliana Manuela Farias, assistente alla fotografia di “Angustia”, e Nicola Lerra, autore delle musiche del corto russo di animazione “My grandfather was a cherry tree”. Soddisfatti di questa edizione anche il direttore artistico Giuseppe Tumino, filmmaker siciliano che da qualche anno vive in Basilicata, e le sue collaboratrici Alessandra Magarelli e Simona Errico, che danno appuntamento a tutti gli amanti dei cortometraggi spiaggiati all’anno prossimo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Giuria e gli organizzatori

Jon Jost (presidente di giuria):

Istrionico e divertito per l’atmosfera che si è venuta a creare nei giorni del festival, si è definito cinico su un su certo tipo di cinema di matrice commerciale, apprezzando la scelta dei lavori selezionati fuori dagli schemi di un festival di Cortometraggi. Si è detto inoltre, molto soddisfatto dall’esperienza vissuta con gli altri giurati , gli organizzatori del festival e con il direttore artistico che conosceva da tempo grazie ad un workshop in Sicilia dove era stato docente, ringraziando tutti con entusiasmo e partecipazione : “for the last days – films, food, talk, and seeing lovely places” “Some great people, food, talk. Got to see a few small towns up in the hills, some more pics to follow. Thanks Guiseppe Tumino for the invite” Sempre disponibile è rimasto piacevolmente colpito dall’accoglienza ricevuta e dai luoghi visitati, in particolare Tursi, Montalbano e Rotondella.

Marcella Di Palo (giuria):

“Conoscevo già cortosplash dallo scorso anno perché il nostro documentario “mal d’agri” era stato invitato fuori concorso al festival. Quest’anno con mia grande gioia ho fatto parte della giuria e devo dire che è stata una bella situazione, un bell’ambiente in una splendida location, la selezione dei corti in gara è stata coraggiosa e alternativa , ci sono stati cortometraggi che erano più vicini a un cinema sperimentale e che difficilmente potrebbero altrimenti essere visti da queste parti , mi ha colpito molto questo tipo di scelta e di questo va dato grande merito agli organizzatori.”

Leandro Verde (giuria):

“Penso che ci siano stati dei lavori molto belli e l’offerta sia stata variegata. Questa è la terza edizione di cortosplash e credo che un festival come questo, completamente indipendente, lo si fa solo se alla base c’è davvero un idea di amore verso il cinema. Di questo bisogna dare atto al direttore artistico che con un staff ridotto ma molto motivato, ogni anno si adopera per portare qui in Basilicata questa chicca di festival che ogni anno attrae sempre di più giovani e appassionati di cinema che si danno appuntamento qui sulla costa jonica per guardare questi film, apprezzarli, e diffondere la cultura cinematografica”

Andrea Recussi (giuria):

“Un atmosfera bellissima in un luogo significativo e importante perchè sequestrato alla mafia, per questo festival del cinema indipendente. Da anni seguo e stimo il direttore artistico che ho finalmente ritrovato dopo qualche anno e con cui è nata questa collaborazione. Alta la qualità dei lavori in concorso, ho visto tanti lavori di altissimo livello e quindi complimenti all’organizzazione per la selezione. Sono contento di essere in questa giuria importante con un presidente di giuria con una storia importante alle spalle e uno spessore culturale notevole. Volevo fare i complimenti ad Alessandra Magarelli per il supporto all’organizzazione e spero che questo festival cresca perché è importante dare questi segnali soprattutto alle nuove generazioni.”

Alessandra Magarelli (organizzazione cortosplash):

“La selezione è stata dura perché sono arrivati circa mille corti e c’erano tanti lavori ben fatti ma alla fine siamo contenti della scelta fatta. Nonostante la fatica vale la pena fare tutto ciò perché poi, quando si arriva qui e si crea questa bellissima atmosfera, si vede la gente contenta che torna a casa ringraziandoti, soddisfatta di aver passato 3 serate diverse dal solito, ti senti ripagata di tutta la fatica.”

_DSC6778.JPG

Salvatore Verde (guru di cortosplash):

“Il festival è sicuramente un ottima iniziativa in crescita, e se fatto con la stessa passione e convinzione di questi primi tre anni, io credo che abbia un futuro e si possa ritagliare anche una fetta di promozione del territorio. L’anima del festival è sicuramente il direttore artistico Giuseppe Tumino che però è supportato da altri collaboratori di grande spessore e qualità che riescono a realizzare un festival che ho definito, durante la sua prima edizione, post moderno e felliniano, sotto le stelle, con il buio naturale e lo schermo al ridosso del mare. La trovo una suggestione destinata a rimanere nella mente per chi vive quest’esperienza. Quest’anno, inoltre, c’è Jon Jost, un personaggio assolutamente unico e straordinario che seconde me dovrebbe essere e più e meglio conosciuto, con una filmografia che andrebbe riscoperta.”

(intervista radiofonica Giuseppe Tumino)

Giuseppe Tumino (organizzazione e dir. artistica):

“Siamo stanchi ma molto soddisfatti di questa terza edizione di cortosplash ad iniziare dalla location di quest’anno, il lido Onda Libera che con il suo staff e il suo presidente Michele Di Gioia ci ha accolti e aiutati nella realizzazione della manifestazione, senza dimenticare la tenda tuareg dell’associazione Tekelt di Silvia Ercoli. E’ stata un edizione che ha visto la presenza di molti ospiti tra cui i registi lucani Gianni Saponara e Aurelia Tamburrino, e i vincitori di alcuni premi assegnati dalla giuria come la brasiliana Manuela Farias assistente alla fotografia di “Angustia”(film che ho amato molto) e Nicola Lerra autore delle musiche del corto russo di animazione “My grandfather was a cherry tree” vincitore con merito del premio del pubblico. Sono molto contento, inoltre, di avere avuto una giuria di grande spessore umano e culturale ad iniziare da Jon Jost, regista indipendente di culto, che ho avuto la fortuna di conoscere tanti anni fa in uno dei suoi workshop realizzati nel mondo, e che ha plasmato il mio punto di vista sul modo di vedere un certo tipo di cinema, e poi Marcella Di Palo, Andrea Recussi e Leandro Verde con cui si è instaurato un clima familiare sin dai primi giorni. Vorrei ringraziare tutti coloro che ci supportano e ci aiutano affinchè si abbia una buona riuscita del festival, ad iniziare da Alessandra Magarelli, che è parte attiva e imprescindibile dell’organizzazione, insieme a Simona Errico che presenta le serate del festival, a Federico Liuzzi ed Egidio Viola che impreziosiscono la location con le loro opere a tutti gli amici che volontariamente danno il loro contributo per fare in modo che tutto riesca al meglio.Ed infine un grazie a tutti coloro che sono intervenuti e che, con la loro presenza hanno contribuito a rendere speciali questa serate. Speriamo di vederci per una quarta edizione”

Michele di Gioia (lido onda libera):

“Siamo stati felici di ospitare questa terza edizione di cortosplash, in questo luogo simbolico , presidio di legalità, primo luogo in Basilicata ad essere stato confiscato a un potere criminale. Lido onda libera si occupa oltre che di servizi in spiaggia, di cultura a 360 gradi e lo fa captando le forze positive e aggreganti del nostro territorio cercando di inserire una serie di eventi che sul territorio avevano una già certa caratterizzazione, per questo abbiamo pensato di chiedere sia alla direzione artistica che a tutto lo staff di cortosplash di poter provare a dare un messaggio in questo luogo, portando la programmazione quì. E credo che l‘esperimento sia riuscito alla perfezione, un clima e un atmosfera davvero molto interessante, in linea e nelle corde di quello che è il nostro obiettivo, di restituire socialmente questo posto alla comunità. Mi auguro che Cortosplash con quest’anno possa definitvamente scegliere questo lido come la sua casa”

Questo slideshow richiede JavaScript.

articolo su Machado e il suo film con riferimento alla vittoria in italia a Cortosplash del suo “angustia” http://www.spietati.it/z_dettaglio_contributo.asp?idContributo=169

http://www.sassilive.it/cultura-e-spettacoli/cinema-cultura-e-spettacoli/al-via-la-terza-edizione-di-cortosplash-al-lido-onda-libera-di-scanzano-jonico/

https://tvkinoradio.ru/news/new8338-moj-dedushka-bil-vishnej-zavoeval-priz-kinofestivalya-cortosplash?utm_source=fb&utm_medium=post&utm_content=moj-dedushka-bil-vishnej-zavoeval-priz-kinofestivalya-cortosplash&utm_campaign=tvkinoradio

http://filippomele.blogspot.it/2016/07/scanzano-j-cortosplash-e-le-plombier-il.html

http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/Giunta/detail.jsp?otype=1012&id=3014986&value=regione

http://www.radiolaser.it/2016/07/26/le-plombier-vince-la-terza-edizione-cortosplash/

http://www.basilicatanet.it/basilicatanet/site/Basilicatanet/detail.jsp?otype=1012&id=3015227

http://www.tursitani.it/festival-cortosplash-iii-edizione-dal-22-al-24-luglio-al-lido-onda-libera-scanzano-jonico-mt/

http://www.tursitani.it/intervista-jon-jost-grande-regista-del-cinema-indipendente-americano-presidente-della-giuria-al-festival-cortosplash-scanzano-jonico/

http://unikino.ru/my-grandfather-was-a-cherry/

http://www.animator.ru/index.phtml?p=show_news&nid=2342

http://imirante.com/namira/mundo/noticias/2016/07/19/curta-maranhense-e-selecionado-para-mostra-competitiva-na-italia.shtml

http://www.sassilive.it/cultura-e-spettacoli/cinema-cultura-e-spettacoli/le-plombier-vince-la-terza-edizione-di-cortosplash-a-scanzano/

festival che ci prendono ad esempio:

 http://www.sanremonews.it/2016/08/14/leggi-notizia/argomenti/altre-notizie/articolo/debutta-in-riviera-il-corto-in-spiaggia-il-festival-dedicato-ai-cortometraggi-lintervista-al-re.html

 

splash awards 2016

La giuria della III edizione di Cortosplash presieduta da Jon Jost (regista) con Marcella Di Palo (regista), Andrea Recussi (direttore artistico CortOglobo Film Festival Italia), Leandro Verde (giornalista) ha assegnato i seguenti premi:
The jury of the third edition of Cortosplash chaired by Jon Jost (director) with Marcella Di Palo (director), Andrea Recussi (artistic director CortOglobo Film Festival Italia ) and Leandro Verde (journalist) has awarded the following prizes:


Primo premio assoluto/first prize: Le plombier di Méryl Fortunat-Rossi e Xavier Seron (Francia)

Motivazione:

Le plombier è un film divertente, con i personaggi ben caratterizzati e girato in maniera impeccabile. Affronta il tema della pornografia con grande senso dell’umorismo, senza scadere nella volgarità. Far ridere in maniera intelligente non è cosa facile.
Motivation:
Le plombier is a funny film, with convincing characters and very well shot. It deals with a pornographic topic without being vulgar at all. Comedy is not an easy matter

Premio del pubblico/audience award: My grandfather was a cherry tree di Olga e Tatiana Poliektova (Russia)

Menzione speciale fiction-doc/special mention fiction-doc: A prueba di Pablo L. de Aramburu (Spagna)

Menzione speciale animazione/special mention animation: Kukuschka di Dina Velikovskaya (Russia)

Menzione speciale videoclip/special mention videoclip: Can You Decide di Lu Pulici (Italia)

Menzione speciale sperimentale/special mention experimental: Dissonance di Salym Fayad (Colombia)

Premio Onda Libera/Award Onda Libera (attributed by the staff of the beach that hosted the event and CORTOSPLASH staff): Angustia di Frederico Machado (Brasile)

Premio mare che divide mare che unisce/special mention “sea that divides, sea that joins”:  Argento di Nicola Pertino (Italia)